BIOGRAFIA

 

Nato a Bologna, classe 1970. Professionista dal 1996, attivo nella fotografia di architettura, interni, e corporate.

Nel settore editoriale ha pubblicato reportage di fotografia documentaria e sociale su varie riviste tra cui D-Repubblica delle donne, Panorama, Style-Corriere della Sera, Gioia, Private, e in campo internazionale Art Magazine (D), Monocle (GB), Japan Times (JP), Le Monde (F), Ojo de Pez (E).

Collabora con l’Istituto dei Beni Culturali (IBC), ha all’attivo campagne fotografiche sulle periferie urbane, sui quartieri residenziali e sulle rilevanze architettoniche del secondo ‘900. Le sue foto sono pubblicate su diverse riviste italiane e europee come Domus, Elle Decor, Corriere della sera-Living, D-Casa, Ottagono, Il Magazine dell’Architettura, Bauwelt, AW-Archiworld, Modulor e sui principali portali web dedicati all’ architettura come Europaconcorsi, Divisare, Archilovers, Vice.

Ha esposto i suoi lavori in varie gallerie e musei come Museo MAXXI di Roma, Spazio Belvedere a Milano, World Architecture Festival di Berlino, India Arch Dialogue a Nuova Dehli, Museo della Storia a Bologna, Galleria Marconi di Cupra Marittima e lo Spazio Lavì a Sarnano. Ha partecipato alla ultime due edizioni 2016 e 2018 della Mostra Internazionale di Architettura di Venezia e alla biennale europea Manifesta12 di Palermo.

Nel 2017 è tra i cinque finalisti dell’Arcaid Award, concorso internazionale dedicato alla fotografia di architettura, con una ricerca sul social housing di Hong Kong e vincitore del terzo premio al Tokyo International Photo Award –categoria Lifestyle– con un lavoro sui riti sacri nel Salento.

Le più recenti pubblicazioni sono i volumi fotografici “Cento case popolari” a cura di Sara Marini, sull’architettura sociale italiana realizzata tra gli anni ’60 e ’80 da figure come Gregotti, Rossi, De Carlo e Aymonino, “Amabili resti di architettura” a cura di Giulia Menzietti, saggio sull’architettura modernista italiana e sulla sua eredità nel presente, “Sovrascritture Urbane” a cura di Alessandro Gaiani, su dieci case history di ricondizionamenti urbani, edizioni Quodlibet e “H2O” a cura dell’Istituto dei Beni Culturali, sulle acque della Romagna-Toscana e “6.5 – Una casa” curato da Piero Orlandi sul tema del recente terremoto nelle Marche, entrambi Danilo Montanari Editore.

BIOGRAPHY

 

Born in Bologna (Italy) in 1970, professional photographer since 1996, active in architecture photography, interiors and corporate.

He published reportage of documentary and social photography on italian magazines like D-Repubblica delle donne, Style-Corriere della Sera, Panorama, Private, and International such as Art Magazine (D), Monocle (GB), Japan Times (JP), Le Monde (F), Ojo de Pez (E).

His photos appear on architecture magazines like Domus, Elle Decor , Ottagono, D-Casa, Il Magazine dell’Architettura, Corriere della Sera-Living, Bauwelt, AW-Archiworld, Modulor and on various web portals as Europaconcorsi, Divisare, Archilovers, Vice.

He exhibited his works in various galleries and museums such as MAXXI Museum in Rome, Spazio Belvedere in Milan, World Architecture Festival of Berlin, India Arch Dialogue in New Dehli, Museum of History in Bologna, Galleria Marconi of Cupra Marittima and Spazio Lavì at Sarnano. He took part at the 15th and 16th Venice International Architecture Exhibition, and at “Manifesta12” the european nomadic biennial held in Palermo in 2018.

In 2017, he is among the five finalists of the Arcaid Award, the international competition dedicated to architecture photography, with a work on social housing in Hong Kong. He also won the 3rd place at Tokyo International Photo Award with a series of photo on the christian rites in a town of southern Italy.

The most recent publications are the photographic volumes “Cento case popolari” – by Sara Marini on Italian social architecture realized in the 1960s and 1980s by figures such as Gregotti, Rossi, De Carlo and Aymonino, and “Amabili resti di architettura” by Giulia Menzietti, essay on Italian modernist architecture and its legacy in the present, both edited by Quodlibet, “H2O” by IBC (Institute of Cultural Heritage), on the waters of Romagna-Tuscany and “6.5 – Una casa” edited by Piero Orlandi on the theme of the recent earthquake in the Marche, both Danilo Montanari Editore.