Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET Slide SOVRASCRITTURE URBANE-QUODLIBET

Alessandro Gaiani: Sovrascritture Urbane, Ed.Quodlibet. Foto di Fabio Mantovani.

 

Il volume delinea gli ambiziosi tratti di un’architettura contemporanea che, nel rispetto della storicità e della tipicità italiane, sia in grado di esplorare possibili contaminazioni, e introduce il tema della sostenibilità, ovvero della compatibilità tra le esigenze del progetto e le istanze della comunità. Quella di Alessandro Gaiani è dunque una metodologia di ri-condizionamento circolare, inteso come possibilità di includere in un unico brano di città differenti spazi e luoghi, figure diverse, giustapposte in modo contemperato. La nuova comunità alla quale tale strategia si rivolge dovrà perciò sviluppare un’attitudine positiva nei confronti della sovrascrittura urbana, in quanto i fenomeni di apposizione e disgiunzione sono destinati ad aumentare. Come ebbe ad affermare profeticamente Michel Foucault, occorrerà «preferire ciò che è positivo e multiplo, la differenza all’uniforme, il flusso alle unità, i dispositivi mobili ai sistemi. Credere che ciò che è produttivo non è sedentario, ma nomade».